Carta di qualità dell’offerta formativa

Carta di qualità dell’offerta formativa
IL.FRA.SI. S.R.L.
L’IL.FRA.SI. S.r.l. è nata nel 2003, con lo scopo sociale principale di fornire corsi di formazione professionale per il conseguimento dell’attestato di abilitazione all’esercizio dell’arte sanitaria di “ottico”. Lo scopo è di fornire ai partecipanti le basi necessarie a svolgere con competenza la professione di ottico ovvero fornire e approntare ausili ottici su prescrizione medica, misurare e compensare i difetti visivi utilizzando strumentazione oftalmica di avanguardia.

Il centro di formazione dispone di un ampio parcheggio, aule informatiche adeguatamente attrezzate, predisposte anche per i portatori di handicap con servizi dedicati, tutti gli ambienti sono stati climatizzati per rendere più confortevole il soggiorno didattico ed inoltre un efficiente servizio di segreteria è a disposizione dei discenti.

Livello strategico

Politica della qualità

L’IL.FRA.SI. S.r.l. da sempre ha avuto l’obiettivo della soddisfazione dei
propri Clienti/Utenti, in termini di qualità dei servizi erogati.

L’Istituto di formazione si avvale di docenti qualificati, ponendosi come obiettivo fondamentale
l’effettiva preparazione tecnica dell’allievo al fine di ottenere una preparazione idonea a procurargli
una valida possibilità d’inserimento nell’attuale mercato del lavoro oppure un aggiornamento
professionale indispensabile per stare al passo con i tempi.

Particolare attenzione è rivolta alla metodologia didattica, in particolare si evidenziano gli aspetti più rilevanti:

•         Un approccio pratico finalizzato alla massima operatività strumentale che eviti
lunghe esposizioni teoriche con una conduzione comunicativa, coinvolgente e flessibile;

•         L’uso di un linguaggio semplice, conciso, scevro da terminologia tecnica;

•         La massima concentrazione dell’istruttore sul “come” trasferire i contenuti;

•         La disponibilità dichiarata dell’istruttore a fornire, nei momenti d’intervallo o al termine
della sessione giornaliera, approfondimenti sui contenuti esposti;

•         Il cercare di creare in aula un ambiente interattivo, cooperativo e stimolato alla curiosità tecnologica.

La nostra organizzazione si impegna fortemente nel cercare di raggiungere livelli di miglioramento continuo della qualità in modo da rispondere prontamente a tutte le sollecitazioni provenienti dal mercato e tendere a livelli di eccellenza nella qualità.

A tal fine, la Direzione intende per l’anno in corso perseguire i seguenti obiettivi:

•         Aumentare il numero di corsi erogati;

•         Acquisire docenti con livello di specializzazione ed esperienza nel campo della formazione più elevato;

•         Aumentare il livello di preparazione e soddisfazione dei corsisti;

•         Aumentare la visibilità e la conoscenza del nostro mercato di riferimento.

L’IL.FRA.SI. S.r.l. è consapevole che tali obiettivi richiedono un impegno costante da parte di tutto il personale operativo e che esso può essere raggiunto con successo solo attraverso un approccio sistematico alle tematiche della qualità.

L’IL.FRA.SI. S.r.l. ritiene che i propri collaboratori aziendali costituiscono la principale
risorsa a disposizione dell’organizzazione, per cui l’unica strada percorribile è quella che prevede un loro pieno coinvolgimento.

La Direzione crede profondamente in questo e si impegna a diffondere e promuovere la qualità in azienda.

Obiettivi ed impegni

La Carta della Qualità di IL.FRA.SI. S.r.l. è un documento di garanzia per i propri
clienti dell’area formazione; in essa sono, infatti, esplicitate tutte le azioni che la Società si impegna a mettere in atto affinché il servizio formativo sia efficiente ed efficace.

La Carta della Qualità è per la IL.FRA.SI. S.r.l. lo strumento necessario per garantire
un livello di progettazione ed organizzazione al passo con le esigenze formative degli utenti. In particolare ed in virtù della Mission espressa stabilisce i seguenti obiettivi da perseguire:

•          La ricerca di linee didattiche coerenti al rinnovamento delle professionalità richieste dal
mercato del lavoro;

•          L’aggiornamento continuo degli utenti dei corsi;

•          L’approfondimento di tematiche specifiche con lo sviluppo delle nuove tecnologie;

•          Iniziative per favorire il reinserimento di figure professionali definite “obsolete”;

•          La formazione come “esperienza” in contesti ritenuti capaci di formare soggetti pronti per il mercato del lavoro.

Per il conseguimento della Mission di IL.FRA.SI. S.r.l. si prefigge di monitorare
continuamente gli obiettivi sopra elencati, affinché vi sia un miglioramento continuo volto a rispondere alle aspettative dei clienti.

Per il perseguimento dei propri obiettivi e della propria Mission la IL.FRA.SI. S.r.l. ritiene indispensabile sensibilizzare tutti i livelli dell’organizzazione; la Direzione,
che è la responsabile, si impegna a diffondere la propria Politica della qualità (Mission ed obiettivi) a tutta l’organizzazione nel corso delle riunioni con il proprio personale.

Il Responsabile della qualità affiancherà e sosterrà la Direzione nella divulgazione e realizzazione della Politica per la qualità.

Livello Operativo
Fattori di qualitàL’attività formativa svolta dalla IL.FRA.SI. S.r.l. è così articolata:•         Analisi dei fabbisogni formativi;•         Informazione e accoglienza dei clienti;•         Ideazione e progettazione formativa ad hoc;•         Gestione logistica, didattica ed economica dei percorsi formativi;•         Erogazione;•         Certificazioni e/o attestazioni;•         Monitoraggio e valutazione dei risultati conseguiti.Le attività formative riguardano:■ Formazione superiore che comprende la formazione post obbligo formativo, Ifts, alta formazione relativa ad interventi all’intemo e successivi ai cicli universitari;- Formazione continua che è destinata a soggetti occupati, in CIG e in mobilità, a disoccupati per i quali la formazione è propedeutica all’occupazione, nonché ad apprendisti che abbiano assolto l’obbligo formativo.Per quanto riguarda l’area dello svantaggio, IL.FRA.SI S.r.l. svolge incontri periodici
con i servizi (in particolare con i Centri per l’Impiego della Provincia) per essere aggiornata sulla condizione dei soggetti svantaggiati (soggetti disoccupati, inoccupati, extracomunitari ecc..) al fine di conoscere le nuove esigenze di questi ultimi per poter così orientare al meglio la propria offerta formativa.

Le risorse professionali

L’IL.FRA.SI. S.r.l. si avvale per lo svolgimento dei propri corsi, oltre che del
personale dipendente e dei collaboratori, di professionisti dei settori di riferimento, docenti universitari e di scuola media superiore che collaborano occasionalmente o stabilmente con la struttura. Le prestazioni di tutti i docenti saranno poi monitorate sia in itinere che alla fine di ogni percorso formativo, attraverso i questionari di gradimento. IL.FRA.SI. S.r.l. si avvale, per tutti gli altri processi (progettazione, organizzazione e gestione, coordinamento, direzione e attività di segreteria) di personale interno e/o esterno in relazione a specifiche esigenze valutate e scelte in base alle necessità.

Allo scopo di migliorare la gestione dei processi, IL.FRA.SI. S.r.l. dà ampio spazio
all’attività di formazione di tutto il personale.

Le risorse logistico-strumentali
Le risorse logistico-strumentali che utilizza Eur Formazione professionale per erogare il servizio formativo ai propri utenti sono locali facilmente accessibili dotati di attrezzature tecnologicamente avanzate. Inoltre, quando la tipologia del corso lo richiede, si utilizzeranno laboratori specializzati, avendo comunque cura che tali strutture siano sempre confacenti ai dettami normativi concernenti la tutela della salute, dell’igiene e della sicurezza degli individui soprattutto nei luoghi di studio e/o di lavoro.
LIVELLO OPERATIVO
Nell’ottica del miglioramento continuo dei servizi formativi, Eur formazione professionale intende pianificare, attuare e controllare le attività dell’organizzazione in linea con quanto stabilito nella Politica della Qualità.

La misurazione della customer satisfaction è indispensabile al fine di evitare di basarsi solo su analisi sensoriali e di creare aspettative nel cliente che possono venire disattese. La gestione dei reclami/insoddisfazioni/non conformità espressi dai clienti, è l’occasione per trarre degli spunti utili al miglioramento del servizio offerto. Il monitoraggio costante del servizio formativo offerto, è fondamentale per ottenere il miglioramento continuo delle proprie prestazioni e, di conseguenza, per aumentare la competitività aziendale.

Nella tabella sottostante viene evidenziato il modello di rilevazione e verifica degli aspetti ritenuti strategici per il miglioramento continuo della qualità dei servizi formativi offerti; ovvero intendiamo per:

•         Fattori dì qualità- elementi fondamentali da presidiare in relazione alla gestione della qualità;

•         Indicatori di qualità – criteri di misurazione quantitativa e/o valutazione qualitativa per programmare e controllare il presidio dei fattori di qualità individuati

•         Standard di qualità- corrispondono all’obiettivo di qualità che 1’ Istituto eur formazione professionale si impegna ad assumere in corrispondenza di ciascun fattore, in funzione del relativo indicatore

•         Strumenti di verifica- modalità attraverso cui periodicamente o in continuo viene
controllato il rispetto degli standard fissati, a garanzia e tutela del sistema cliente.

FATTORI DI QUALITÀ’ INDICATORI STANDARD DI
QUALITÀ’
STRUMENTI DI
VERIFICA
Tempestiva

individuazione

dei bisogni del cliente

Numero di giorni
intercorrenti tra la data
dellarichiesta e la data della
risposta
1 settimana lavorativa Sistema di registrazione
delle informazioni
(registro)
Soddisfazione del
cliente
% grado di
soddisfazione
60% Questionario
Tempo gestione dei
reclami
Numero di giorni che
intercorrono per la
gestione
del reclamo
Almeno II 50% dei
reclami
risolti in 30 gg
Schema di rilevazione
dellenon conformità
LIVELLO PREVENTIVO
Dispositivi di garanzia e tutela nei confronti degli utenti/clienti

L’IL.FRA.SI. S.r.l. assicura un percorso di crescita e di miglioramento
progressivo, attraverso la rilevazione dei bisogni e delle aspettative dei clienti/utenti.

IL.FRA.SI. S.r.l. si impegna ad esaminare con tempestività ed attenzione ogni
eventuale suggerimento, segnalazione e/o reclamo ricevuto in relazione agli indicatori contenuti nella presente Carta della Qualità. L’azione di ascolto della clientela si esplica, quindi sia attraverso l’effettuazione, sia attraverso i seguenti canali:

•         per posta all’indirizzo: Via Tiburtina km 26/D, – 00012 Guidonia Montecelio;

•         per email all’indirizzo: formazione@piuvista.com

•         direttamente al coordinatore del corso.

Entro 30 gg successivi alla segnalazione l’IL.FRA.SI. S.r.l. comunicherà l’esito degli accertamenti compiuti e gli eventuali provvedimenti adottati.

CONDIZIONI DI TRASPARENZA

Inoltre, allo scopo di garantire la trasparenza nei confronti dei propri utenti/clienti, IL.FRA.SI. S.r.l. si impegna a consegnare una copia della Carta della Qualità a tutte le persone che frequenteranno un corso organizzato dell’Istituto professionale. La presente Carta verrà diffusa, inoltre, è pubblicandola sul sito aziendale www.piuvista.com

La carta della qualità viene revisionata annualmente dal Responsabile Qualità ed è validata dalla Direzione.

Attività previste per il responsabile del processo di direzione

–      definizione di strategie organizzative, commerciali e standard del servizio

–      coordinamento delle risorse umane, tecnologiche, finanziarie e organizzative

–      supervisione della manutenzione e miglioramento del servizio

–      gestione delle relazioni e degli accordi con la committenza

–      valutazione e sviluppo delle risorse umane.

Attività previste per il responsabile dei processi economico-amministrativi

–      gestione contabile e degli adempimenti amministrativo-fiscali

–      controllo economico

–      rendicontazione delle spese

–      gestione amministrativa del personale

–      gestione amministrativa di risorse finanziarie pubbliche nel settore della formazione,
dell’educazione e dell’orientamento.

Attività previste per il responsabile del processo di analisi e definizione dei fabbisogni

–      diagnosi generale (quadro nazionale) dei fabbisogni di figure e competenze professionali diagnosi specifica (regione/PA) di bisogni professionali e formativi in settori, sistemi produttivi territoriali ed imprese

–      analisi individuale dei bisogni formativi e di orientamento

Attività previste per il responsabile del processo di progettazione

–      progettazione di massima, esecutiva e di dettaglio di un’azione corsuale

–      progettazione di percorsi individualizzati nel settore della formazione, dell’educazione e dell’orientamento

Attività previste per il responsabile del processo di eropazione dei servizi

–      pianificazione del processo di erogazione;

–      gestione delle risorse umane, tecnologiche e finanziarie del processo di erogazione;

–      gestione delle relazioni e degli accordi con la committenza;

–      monitoraggio delle azioni o dei programmi;

–      valutazione dei risultati ed identificazione delle azioni di miglioramento nel settore della formazione, dell’educazione e dell’orientamento.

LA DIREZIONE

Miopia: anche bambini e ragazzi a rischio. Come prevenirla

La miopia è un difetto visivo sempre più diffuso e, soprattutto, colpisce sempre di più i bambini ed i ragazzi. Dietro a questa riduzione della vista degli oggetti lontani non ci sono solo fattori genetici, pur se importanti, ma anche delle cattive abitudini.

Gli studi dimostrano che, al contrario, dei corretti comportamenti possono ridurre i rischi di insorgenza della miopia.

Oltre a dei periodici controlli della vista, necessari sia per i giovani che per i meno giovani e che potete trovare anche in tutti i centri +VISTA, si può cominciare a prevenire la miopia con una semplice regola da seguire, ogni giorno.

LA PREVENZIONE

Controlli della vista e degli occhi per bambini e ragazzi contro la miopia a Più Vista
Da Più Vista controlli della vista per bambini e ragazzi

Gli studi evidenziano come un adeguato tempo trascorso all’aperto, quotidianamente, aiuti contro la miopia. Secondo recenti studi i giovanissimi dovrebbero trascorrere costantemente del tempo fuori casa guardando lontano. Al contrario, vedere in modo prolungato oggetti vicini potrebbe favorire l’insorgenza del vizio, o comunque farlo evolvere più velocemente.

Per bambini e ragazzi, poi, trascorrere del tempo all’aria aperta serve anche a godere della luce solare, altro elemento importante per contrastare la miopia.

I RISCHI

Controlli della vista periodici prevengono problemi agli occhi
Controlli periodici prevengono i problemi alla vista

Se per la prevenzione della miopia in età giovanile ci sono studi concordi, per le cause c’è una maggiore discordanza. Tuttavia alcuni esperti ritengono che uno sforzo prolungato nella lettura, nella visione degli schermi e in altre attività visive da vicino, favorisca l’insorgere della miopia.

I FATTORI GENETICI

Dietro l’insorgere della miopia, comunque, c’è un importante fattore genetico che, secondo gli studi incide per il 60-90% dei casi. Le sequenze genetiche che possono portare alla miopia, secondo gli studiosi, potrebbero essere centinaia ma, ad oggi, ne sono state identificate una trentina.

GLI SCREENING PERIODICI

Un mese speciale per la prevenzione visiva da +VISTA
Ottobre il mese della prevenzione da +VISTA

Oltre a prevenire la miopia è estremamente importante tenere sotto controllo lo stato di salute dei propri occhi. Per questo +VISTA, da sempre attenta al benessere visivo, offre periodicamente degli screening gratuiti, così da permettere a tutti di controllare la miopia e le altre patologie oculistiche.

Non solo, effettuati i controlli è necessario scegliere il giusto occhiale e la lente appropriata. Un aspetto a cui +VISTA tiene particolarmente. Tutto il personale dei centri +VISTA è competente e costantemente aggiornato, così da poter consigliare al meglio secondo ciascuna esigenza. Nei negozi +VISTA, inoltre, ci sono speciali punti allestiti per i controlli e le montature per bambini e ragazzi.

Leggi anche, 5 consigli per mantenere il salute gli occhi.

Tutto ciò che non devi fare, se vuoi bene ai tuoi occhi

 

Giornata mondiale della Vista, da +VISTA controlli gratuiti

Una giornata per prendersi cura dei propri occhi, l’11 ottobre si celebra la Giornata mondiale della Vista.

L’appuntamento, che cade ogni secondo giovedì di ottobre, è promosso dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e, in Italia, dall’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Anche +VISTA, per questa speciale giornata, ha voluto dare il suo contributo credendo fortemente nell’importanza del benessere visivo. 
+VISTA, in questa occasione, vuole dare il proprio contributo per ricordare quanto sia importante la prevenzione delle patologie oculari, sin dalla tenera età. Per questo durante l’intera giornata si può prenotare una rilevazione dell’immagine del fondo dell’occhio, gratuita.

Un mese speciale per la prevenzione visiva da +VISTA
Ottobre il mese della prevenzione da +VISTA

In tutti i centri +VISTA per sottolineare l’importanza del prendersi cura della propria vista, oltre agli screening gratuiti previsti per la Giornata Mondiale della Vista, abbiamo dedicato tutto il mese di ottobre alla Prevenzione con una campagna speciale che prevede la misurazione della vista gratuita a tutta la famiglia e l’acquisto di due occhiali al prezzo di uno.

 Le malattie degli occhi

Le malattie oculari, stando agli ultimi dati raccolti dal Ministero della Salute, interessano tutte le età ma l’incidenza aumenta considerevolmente dopo i 50 anni a causa.
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Salute nel mondo ci sono 217 milioni di ipovedenti e 36 milioni di ciechi, per un totale di 253 milioni di disabili visivi. Ben 1,2 miliardi di persone hanno bisogno d’occhiali. La stessa miopia è in aumento in tutto il mondo.

Prevenzione oculistica e cure

A +VISTA si effettuano controlli e misurazioni della vista
Controlli della vista frequenti sono importanti per la prevenzione

E’ sempre più essenziale prevenire le malattie oculari e per prevenzione non si intendono solo i controlli medici, pur se importantissimi.
La prevenzione dei disturbi oculari passa attraverso abitudini corrette, e la prima è senza dubbio quella di recarsi periodicamente dall’oculista, senza distinzione d’età.

Alcuni consigli per la salute oculistica

Per i bambini sono importanti le visite oculistiche alla nascita, entro i tre anni di vita e nei passaggi tra i vari i cicli scolastici.
Da adulti occorre una visita oculistica periodica, la cui frequenza dovrebbe essere stabilita in base al tipo di attività svolta e alle condizioni proprie condizioni oculari.
Per le persone con più di 40 anni, quando è più frequente l’insorgenza della presbiopia (ovvero la difficoltà a vedere da vicino), è importante rivolgersi all’oculista ogni due anni. Dopo i 65 anni, i controlli dovrebbero essere annuali.

Buone pratiche per i bambini

Controlli della vista speciali per i bambini nei centri +VISTA
Controlli della vista per i bambini in tutti i centri +VISTA

Nei più piccoli la visione prolungata da vicino, come ad esempio la visione di dispositivi elettronici, potrebbe favorire la progressione della miopia. Studi scientifici recenti hanno rivalutato lo stile di vita sano sin da piccoli, compresa l’importanza dell’esposizione quotidiana alla luce naturale per la prevenzione delle malattie oculari causa di cecità e ipovisione.

 

 Clicca quì per scoprire tutti gli altri servizi di +VISTA e le promozioni

Goditi il sole senza danneggiare gli occhi!

Pronto per una bella passeggiata in città, in riva al mare o in montagna? E’ bello godersi il sole, ma non bisogna dimenticare di proteggere gli occhi contro i dannosi raggi UV.

La potenza dei raggi solari è un fattore ad alto rischio per il nostro benessere oculare. I raggi ultravioletti possono essere molto dannosi per i nostri occhi, per questo dobbiamo scegliere la migliore protezione possibile. L’esposizione eccessiva ed intensa ai raggi ultravioletti può portare a infiammazioni dolorose della congiuntivite e della cornea. Questo non vuol dire che bisogna rinunciare a godersi una piacevole giornata di sole ma, bisogna scegliere il giusto paio di occhiali.

Scegliere una montatura alla moda non è il solo requisito quando si sceglie un occhiale da sole. Bisogna focalizzarsi sulla scelta di una lente che dia la sicurezza della migliore qualità e che sia la soluzione più adatta per le specifiche esigenze. La funzione più importante di un occhiale da sole è la sua capacità di proteggere gli occhi dai dannosi raggi UV. Per ognuno c’è la lente più adatta, sia che sia necessario un occhiale correttivo, che un semplice filtro.

Deve essere inoltre indicato se le lenti sono:

Polarizzate: in grado di eliminare i riflessi;

Fotocromatiche: in grado di variare il potere di assorbimento e di scurirsi in base all’intensità luminosa;

Alla melanina: cioè trattate con una sostanza simile alla melanina naturale, in grado di bloccare i raggi UV.

 

Le lenti degli occhiali da sole infatti, che hanno l’obiettivo di evitare l’abbagliamento e di migliorare la visibilità degli oggetti rendendoli più chiari e nitidi, lasciano passare gli infrarossi mentre bloccano gli ultravioletti che sono dannosi per gli occhi. Scegliere la migliore protezione per i propri occhi è l’unica scelta possibile per non esporli a inutili rischi.

Ecco due caratteristiche fondamentali che devi valutare quando compri un paio di occhiali da sole:

Marcatura CE: questo marchio assicura che le lenti rispondano alla normativa europea, in grado quindi di filtrare sia raggi UVA che UVB, senza alcuna distorsione;

Categoria filtro solare: Alle lenti viene assegnato un valore che va da 0 a 4 in base alla capacità di filtrare la luce. Al valore 0 sono associate le lenti chiare che lasciano passare quasi tutta la luce, al numero 4 vengono associare le lenti che hanno un potere filtrante pressoché totale e sono utili solamente sui ghiacciai.

Passa a trovarci, i nostri specialisti sapranno consigliarti il modello che più si adatta alle tue esigenze.

 

 

Tutto ciò che non devi fare, se vuoi bene ai tuoi occhi

Vuoi bene ai tuoi occhi? Ecco alcune cattive abitudini che dovresti eliminare…

1 – LASCIARE RESIDUI DI TRUCCO:

Il primo è un consiglio particolarmente idoneo per tutte quelle donne che per pigrizia o per altre cause lasciano residui di trucco sugli occhi, specialmente prima di andare a dormire. Questa pratica è, infatti, estremamente dannosa per i tuoi occhi. Ricorda sempre di struccarti, poiché delle piccole tracce di trucco potrebbe entrare a contatto con la superficie oculare provocando fastidio. Fai attenzione anche nel momento del trucco, poiché il make-up non diventi responsabile degli occhi irritati: lava sempre le mani accuratamente sia prima che dopo, assicura che i pennelli siano puliti, limita uso di ombretti iridescenti o glitterati e non truccarti mentre sei in viaggio poiché il mascara potrebbe facilmente graffiare la cornea.

2 – TENERE LE LENTI A CONTATTO PER UNA DURATA MAGGIORE RISPETTO A QUELLA CONSIGLIATA:

Giornaliere, bisettimanale, mensili. Il periodo di utilizzo di Lenti a Contatto è un fattore estremamente importante, in quanto è sconsigliato indossare le lenti a contatto per una durata maggiore rispetto a quella indicata sulla scatola. Il motivo è che con il tempo sulle lenti si accumulano residui di diversa natura che posso causare allergie, secchezze oculare e impedimento della vista. È inoltre certo che non rispettando la durata riportata sulla scatola vi sia un accumulo di batteri che possono provocare danni irreversibili agli occhi.

3 – FUMARE:

Il fumo è la principale causa di rischio di cataratta e di degenerazione maculare senile. Il fumo riduce il flusso sanguigno agli occhi e ne risentono anche i capillari che vedono ridotto l’apporto di ossigeno e di altri elementi fondamentali per la salute dell’occhio. Purtroppo è stato dimostrato che anche il fumo passivo è dannoso per il benessere oculare, causando una ridotta stabilità della lacrimazione e la sindrome dell’occhio secco.

4 – USARE COLLIRI SCADUTI:

Come per le lenti a contatto è importante monitorare la scadenza anche dei colliri, infatti dopo 20 giorni dall’apertura del flacone, è bene gettarli poiché si ossidano e perdono la sterilità necessaria, oltre ad esaurire la propria efficacia.

5- BERE ALCOLICI:

Un apporto eccessivo di alcol sembra favorire un’insorgenza di patologie oculari, danneggiando gravemente la vista. L’abuso di alcool nel lungo periodo colpendo il sistema nervoso centrale e quello muscolare influisce sulla qualità della vista, rendendola offuscata e non garantendo la naturale capacità di regolare luminosità e contrasto.